Come scegliere il fornetto per unghie: consigli di acquisto

I fornetti per unghie sono degli strumenti che stanno prendendo sempre più piede nelle case. Se vuoi sapere come scegliere un fornetto per unghie, in questa guida ti daremo dei perfetti consigli per l’acquisto, in questo modo saprai sempre qual è il miglior modello da prendere. In commercio, infatti, troverai una grande varietà di questi prodotti e non sempre sarà facile destreggiarsi tra le varie tipologie. Per questo motivo sarà necessario valutare tutti i vari parametri che differenziano
tra loro i vari modelli.

Fornetto per unghie: cos’è

Ma cos’è davvero un fornetto per unghie e perché va tanto a ruba? Questi apparecchi hanno la forma di un piccolo fornetto portatile da poter poggiare comodamente su un tavolo o su una
qualsiasi superficie piana. Dunque hanno una dimensione ristretta, non hanno uno sportello come i classici forni da cucina ma dispongono di un vano interno dove potremo inserire la nostra mano o entrambe le mani.

Ma a cosa servono allora questi fornetti? Il fornetto per unghie serve per far asciugare in tempi molto rapidi dei particolari smalti di prima qualità. Infatti, con questi apparecchi potrai adoperare degli smalti non tradizionali che si fissano sull’unghia solo adoperando questo strumento. Si tratta
di prodotti realizzati in materiali di prima qualità, ma prima di tutto sono smalti che durano fino a 4 settimane.

Il fornetto per unghie ti garantirà quindi l’applicazione di uno smalto a lunga durata che non si sbeccherà al primo intoppo. Ma potrai sbizzarrirti molto di più. Infatti questi strumenti ti permetteranno di personalizzare la tua nail art e diventare un vero esperto di smalti e accessori.

Potrai applicare strass e brillantini, potrai disegnare delle forme grazie agli stencil e potrai sfoggiare delle unghie perfette proprio come se fossi appena uscito dall’estetista. Ma scopriamo ancora di più su questo apparecchio per unghie.

Fornetto per unghie: com’è fatto

Nei paragrafi precedenti abbiamo iniziato a spiegare un po’ com’è fatto internamente un fornetto per unghie, ma questo prodotto non si limita al vano interno e alla sua scocca esterna. Difatti, il vero motore dell’intero apparecchio è la sua lampada interna.

Si tratta di un elemento che irradia
luce calda in grado di fissare in modo perfetto lo smalto sulle unghie. Potremo trovare diversi tipi di lampade in base al modello, ma di base vengono emessi dei raggi ultravioletti in base ai bulbi che
formano la lampada.

Grazie alla lampada, potremo asciugare in tempi molto rapidi ogni tipo di smalto, dai gel liquidi fino agli smalti semi permanenti. Le unghie infatti saranno esposte a questi raggi e potranno vedere il solidificarsi dello smalto in brevissimo tempo, differentemente dagli smalti tradizionali.

Il fornetto per unghie può anche essere dotato di vari pulsanti e di un display. I tasti potranno servire per impostare un timer, molto utile per velocizzare e semplificare i tempi di asciugatura Di
solito è una funzione che ritroviamo nei modelli di prima qualità ma ci consentirà di effettuare la nostra manicure in totale relax perché non dovremo tenere noi il conto del tempo necessario per l’asciugatura.

I modelli più costosi sono dotati anche di un piccolo monitor dal quale osservare i minuti restanti per la solidificazione dello smalto e potremo avere anche un fantastico kit di accessori. Si tratta di
una scatolina contenente tutto il necessario per personalizzare ancora di più il nostro lavoro, come stencil e formine, bastoncini per il disegno, strass, perline, adesivi e via dicendo.

Qual è il funzionamento interno

Prima di scegliere un fornetto per unghie e valutare i consigli di acquisto, sarà fondamentale conoscere le modalità con le quali i forni funzionano, ovvero come riescono ad eseguire
l’asciugatura rapida.

In base al diverso livello di potenza del prodotto, espressa in Watt, il fornetto per unghie reagisce tramite un processo di polimerizzazione, ovvero una reazione chimica che riesce a lavorare sulla consistenza fotosensibile dei gel per le unghie. Questi infatti, come anche gli smalti semi permanenti, reagiscono ai raggi ultravioletti emanati dalla lampada per l’asciugatura e si induriscono solidificandosi e durando a lungo.

Gli smalti delle unghie reagiscono proprio come una sorta di resina. Con il fascio luminoso questi diventano infatti molto uniformi, si stendono a perfezione sull’unghia e riescono a darle anche un
aspetto molto lucido nonché resistente.

Ma bisognerà ricordare di effettuare il passaggio di polimerizzazione ogni volta che passeremo un nuovo strato di smalto sull’unghia, oppure quando si applicano degli accessori su di essa.

Potenza del fornetto per unghie: come scegliere

Uno dei migliori consigli di acquisto per sapere come scegliere un fornetto per unghie riguarda la potenza. In base a questo elemento potremo conoscere sia il tempo di asciugatura e sia l’efficacia
della polimerizzazione sullo smalto.

Per conoscere la potenza di un fornetto dovremo sapere di quanti bulbi sarà composta la lampada. Ogni bulbo avrà infatti un wattaggio che poi verrà calcolato complessivamente con quello degli altri bulbi caratterizzando il livello della potenza generale del prodotto.

Un fornetto per unghie ottimale avrà una potenza pari a 36 watt, quindi disporrà di quattro bulbi, ciascuno da 9 watt. Con questo modello potrai asciugare ogni tipo di smalto gel in un paio di minuti, niente di più. Ma troverai anche dei fornetti di fascia media con meno di quattro bulbi o addirittura con solo 2 bulbi da 9 watt.

In questi modelli i tempi di asciugatura saranno più lunghi, spesso non potremo inserire tutta la mano nel vano interno per il fissaggio dello smalto, ma un dito
per volta. Infatti, i modelli con i watt più alti ci consentiranno di polimerizzare allo stesso tempo entrambe le mani, quelli più mediocri non potranno equiparare questo dettaglio e saranno meno preformanti.

D’altronde, dipenderà sempre dalle nostre esigenze. Infatti se abbiamo molto tempo a disposizione e non abbiamo fretta nell’asciugatura, anche i modello con il wattaggio più basso andranno bene.

Ma se dobbiamo usare i fornetti per lavoro e per asciugare più unghie possibili in breve tempo,
dovremo orientarci nei modelli più potenti, come i modelli da 48 Watt, con ben 6 bulbi da 9 watt
ciascuno.

Lampade UV o lampade LED? Come scegliere il fornetto per unghie

Una delle maggiori considerazioni fare se non sai come scegliere il tuo fornetto per unghie riguarda proprio la decisione sulla lampada. In commercio infatti, oltre alla classica lampada che irradia
raggi ultravioletti, troveremo anche una lampada a LED, ormai sempre più presente nel mercato.

In generale, il funzionamento delle due lampade è il medesimo. Vengono irradiati raggi ultra violetti
che vanno a colpire direttamente l’unghia per fissare lo smalto. Ma i modelli a LED sono formati da
piccole luci LED che lavorano in modo particolare per alcuni smalti.

Infatti, alcuni gel per unghie hanno bisogno di una lampada LED per garantire un’asciugatura
perfetta, dovremo sempre controllare sulla confezione degli smalti ciò di cui abbiamo bisogno. Ma ci sono anche altre differenze tra i due modelli.

Innanzitutto a differenziarsi saranno i tempi di polimerizzazione che diverranno più lunghi usando
una lampada UV, impiegando circa 120 secondi per indurire lo smalto, e più rapidi nelle lampade LED, le quali impiegherano appena 30 secondi per la polimerizzazione. Anche il costo sancirà la differenza tra i due modelli. Anche se il prezzo dipenderà dalla potenza, i modelli con la lampada a Led avranno un costo di certo maggiore poiché sono dotati di un meccanismo molto più sofisticato.

Queste infatti arrivano a far costare il fornetto per unghie anche circa 100 euro ed oltre, i modelli con la lampada UV invece si attestano tra i 20 e i 50 euro.

Ma la differenza più grande riguarda la manutenzione e la necessità di cambiare i bulbi nei modelli UV. Infatti, i bulbi a lungo andare si anneriscono e andrebbero cambiati dopo un certo numero di utilizzi, la stessa cosa non accade invece nei modelli LED che quindi ci garantiranno una manutenzione ed una spesa complessiva minore.

Migliori marche e costi

Sono molti i brand costruttori che offrono degli ottimi modelli di fornetti per unghie. Se vuoi sapere come scegliere un fornetto per unghie di qualità dovrai valutare sempre i brand più conosciuti. In questo modo potrai assicurarti anche una sicura assistenza post vendita in caso di rottura di alcune componenti.

Tra i migliori marchi ti segnaliamo Anself, AbodySunone, Braun e molti altri ancora. In una fascia di prezzo economica troverai dei prodotti con il costo di poche decine di euro che arrivano fino ai 40 euro. Ma i modelli davvero preformanti, come quelli a LED superano i 100 euro e anche oltre. In base alle tue esigenze potrai acquistare il modello che faccia davvero al caso tuo, tra i fornetti domestici e quelli per lavoro.

Classe 1993, giornalista pubblicista e amante della scrittura a tutto tondo. Collaboro con diversi siti di settore e con alcuni giornali locali. Sono laureata in lingue e letterature straniere e in editoria e giornalismo. Sono un’appassionata del benessere per la persona, della cosmetica e della salute. Amo scoprire sempre nuovi prodotti confortevoli per poterli raccontare. La mia parola d’ordine è Curiosità.

Back to top
menu
Smalti e Fornetti per unghie