Rimozione dello smalto dalle unghie: guida e consigli

Smalto per unghie: come si rimuove?

Noi sappiamo che ad oggi esistono tantissimi modi per mettere lo smalto.

Esiste il modo più semplice, che consiste nello stendere un velo di smalto colorato sull’unghia e lasciare che si asciughi naturalmente: infatti, lo smalto normale che acquistiamo in tutti i negozi ha come caratteristica quella di asciugarsi a contatto con l’aria. Per questo motivo, una raccomandazione che da sempre viene data è quella di chiudere bene lo smalto una volta utilizzato, per evitare appunto che a contatto con l’aria si secchi e si rovini. Questo metodo più semplice dura sostanzialmente una o due settimane, sempre che lo smalto non si rovini prima.

Esiste poi il metodo semipermanente, che consiste nel porre un top coat di chiusura su uno strato di smalto semipermanente (sempre disponibile in tutti i negozi di cosmesi), e uno strato finale trasparente, in modo che l’unghia risulti più resistente e lucida, anche se si può optare per una chiusura di tipo opaco. Questo tipo di metodo promette una durata della manicure che va dalle 2 alle 4 settimane.
Infine, esiste il metodo di ricostruzione in gel, che viene prevalentemente utilizzato per le persone onicofagiche, ossia che si mangiano le unghie spesso per via del nervosismo.

Consiste nel ricostruire artificialmente l’unghia, partendo da una base di unghia reale e costruendo mano a mano una estensione artificiale che sia resistente ma elastica, e che dia l’illusione di essere un’unghia vera. Questo metodo fa sì che la manicure duri fino alle quattro settimane.

Questi tre sono i metodi principali utilizzati da tantissime onicotecniche in tutto il mondo. Spesso e volentieri, viene utilizzato un oggetto che si chiama fornetto per unghie per velocizzare i tempi di asciugatura dello smalto.

La domanda che sorge spontanea è: come si rimuovono questi tipi di smalto? Esiste un metodo comune, oppure si può variare?

Ecco, andiamo a scoprirlo insieme.

Come rimuovere lo smalto semplice dall’unghia

Per rimuovere lo smalto semplice dall’unghia basta un po’ di cotone e del solvente per unghie.

Sarà sufficiente bagnare il cotone con l’acetone o il solvente per unghie e passare il cotone bagnato su ciascun dito per eliminare le tracce di smalto.

Nelle dita dove è stato passato un doppio strato di smalto, sarà necessario passare il cotone più volte, ma comunque andrà via con facilità. Dopo aver tolto lo smalto trasparente, è consigliato il mettere uno smalto rinforzante, poiché l’unghia senza smalto risulta essere più fragile.

Come rimuovere lo smalto semipermanente dall’unghia

Rimuovere lo smalto semipermanente può risultare un attimo più complicato, ma in fondo seguendo un ordine ben preciso, rimuoverlo sarà una cosa da nulla. Per prima cosa, bisogna procurarsi:

  • Bastoncini di arancio.
  • Fogli di alluminio.
  • Solvente per smalto semipermanente.
  • Batuffoli di cotone.
  • Lima per unghie a mezzaluna.

Per prima cosa, bisogna passare la lima a mezzaluna su tutte le unghie per eliminare lo strato top coat rinforzante. Questo processo è necessario poiché poi è più facile rimuovere il prodotto dall’unghia. In secondo luogo, bisogna bagnare il cotone con del solvente per smalto semipermanente e posizionarlo sull’unghia, chiudendo poi il tutto con dell’alluminio.

Bisogna poi lasciar agire per qualche minuto, almeno una decina sarebbe perfetto, per poi rimuovere l’imbragatura di alluminio e cotone.

Successivamente, bisogna prendere un bastoncino di arancio e iniziare delicatamente a grattare via lo smalto: questo si staccherà in tanti pezzettini e, dove non si riesce a togliere con i bastoncini di arancio, bisogna passarci su con la lima.

Come rimuovere lo smalto in gel dall’unghia

La procedura per rimuovere lo smalto in gel dall’unghia è molto simile, se non identico, al metodo per rimuovere il semipermanente.

L’unica variazione che c’è, è quella della durata della tenuta del cotone a contatto con l’unghia. Per lo smalto in gel è consigliato infatti il tenere il cotone sull’unghia per almeno una ventina di minuti, essendo l’unghia più rigida rispetto ad una manicure in semipermanente.

Nota bene: l’acetone tende a disidratare fortemente l’unghia, quindi è consigliabile il reidratare l’unghia con prodotti naturali. Esistono tanti oli idratanti per unghie che servono proprio ad andare a riparare i “danni” fatti dall’acetone e dalla lima. Un’unghia senza smalto è un’unghia fragile, che si potrebbe spezzare facilmente, ecco perché è sempre bene mettere uno strato di smalto trasparente che è un rinforzante, proprio per cercare di migliorare la situazione.

Mi chiamo Cristina e sono una web writer, scrittrice freelance e lettrice accanita. Nel tempo libero mi piace molto sia leggere che scrivere, traggo un enorme piacere dall’apprendere cose nuove ogni giorno. Mi occupo di scrittura fin dai primi anni delle scuole medie, ed è una passione che non ho mai abbandonato.
Mi piacerebbe fare della scrittura il mio impegno primario, e per questo mi piace scrivere degli argomenti più disparati.

Back to top
menu
Smalti e Fornetti per unghie